Image thumbnail

Landing

HomeLanding

Dopo più di vent’anni di ricerca, a iniziata con la creazione della prima edizione de “La Quadratura del Cerchio” nel 1995, siamo finalmente arrivati all’individuazione di un terroir diffuso: un insieme di piccole parcelle, di vigneti straordinari, di suoli e climi ricchi di complessità che si snodano lungo un filo immaginario posto sulla fascia del 43° Parallelo Nord. Il 43° Parallelo è magico, è mistico, è storico ed è moderno, è marino ed è continentale, è caldo ed è freddo. Passa per i luoghi che hanno dato origine alla vite – la Georgia -, attraversa punti carichi di energia, come Medjugorje o Santiago de Compostela, e raggiunge infine l’Oregon, nuova frontiera americana. Ma è nel suo passare sopra l’Italia che il 43° Parallelo sorvola quelle che per noi sono le zone più vocate ed espressive per la coltivazione della vite: La Toscana, l’Umbria e le Marche.

Roberto il winemaker, ha sempre lavorato, nella sua attività di consulente e ricercatore, cercando di amplificare al massimo le peculiarità di ogni singolo terroir. Roberto “il visionario”, ha sempre cercato, nel ruolo di produttore, di fondere i frutti di terroir diversi nella terra di nessuno, creando razze meticce sempre nuove, e ricercando equilibri più arditi e affascinanti.
A lui si è poi unito il fratello Gianfranco, pragmatico e obiettivo, che lo ha guidato affinché mettesse a fuoco le sue due anime, trovando la giusta mediazione tra di esse. Lo ha spinto a trovare il luogo ideale, il “parco giochi” perfetto, dove far coincidere una marcata territorialità con la possibilità di fondere straordinari vitigni autoctoni.

Roberto il winemaker, ha sempre lavorato, nella sua attività di consulente e ricercatore, cercando di amplificare al massimo le peculiarità di ogni singolo terroir. Roberto “il visionario”, ha sempre cercato, nel ruolo di produttore, di fondere i frutti di terroir diversi nella terra di nessuno, creando razze meticce sempre nuove, e ricercando equilibri più arditi e affascinanti.
A lui si è poi unito il fratello Gianfranco, pragmatico e obiettivo, che lo ha guidato affinché mettesse a fuoco le sue due anime, trovando la giusta mediazione tra di esse. Lo ha spinto a trovare il luogo ideale, il “parco giochi” perfetto, dove far coincidere una marcata territorialità con la possibilità di fondere straordinari vitigni autoctoni.

Servizio 1

Breve descrizione

Servizio 1

Breve descrizione

Servizio 1

Breve descrizione

Servizio 1

Breve descrizione

    Accetto le condizioni sulla privacy*